"Sorga il Signore e siano dispersi i suoi nemici"

 


 

 

Cerca nel Sito Cerca nel Web

powered by FreeFind

 

(Per qualsiasi tipo di info, suggerimento e richiesta)

Contattaci

 

 

Se il sito vi è piaciuto cliccate qui sopra, ci permetterete di inserire sempre più articoli

^ torna ad inizio pagina

 

Perchè questo sito?

La risposta affonda le sue radici nella grande crisi religiosa che si respira nel nostro tempo. Sentiamo l'esigenza di farci portatori di luce, della stessa luce di Cristo, di quella Verità Infinita che il mondo soggiogato dallo spirito di menzogna sembra voler rifiutare.

Più che con Dio o contro Dio, oggi la gente sembra vivere bene senza Dio, siamo nella fase post-moderna o post-cristiana dell’assenza di Dio. Nell’Europa Occidentale il 25% negherebbe di appartenere ad una religione.

Più che l’ateismo militante oggi c’è indifferenza!

Questa indifferenza è frutto di secoli funesti che hanno visto la Santa Chiesa ingaggiare una dura lotta contro Satana e i suoi numerosi attacchi che si sono manifestati sottoforma di dottrine velenifere quali lo scientismo, il filosofismo, e non ultime alcune correnti psicologiche e psichiatriche...

Pensiamo alla psicoanalisi ad esempio che benché riprendesse in parte concetti di psicologie più antiche, che considerano l’uomo come un composto di anima e di corpo, e che riconoscono l’esistenza di funzioni psichiche irrazionali, come la fantasia, di fatto se ne discostava radicalmente considerando tutte le funzioni psichiche superiori solo come prodotti di meccanismi psichici originariamente inconsci.

Questa corrente, ancora oggi insegnata in tutte le facoltà di psicologia, poichè considerata alla base della psicologia moderna, conduce (e i frutti sono sotto i nostri occhi) a tendenze della modernità come il relativismo, l’individualismo e l’edonismo.

Tanta falsità è stata ancora propagandata da falsi approfondimenti storici (ancora oggi presenti in molti testi scolastici) che hanno distorto l'opera della Chiesa, attraverso la letteratura, con saggi veramente diabolici e carichi d’odio verso Cristo e le Sue membra, fino ai giorni attuali in cui il relativismo sembra aver preso il sopravvento e la morale assoluta di Dio è stata sostituita dalle molteplici morali personali.

Di peccato ormai non si parla più, l’impurità e l'odio abortista regnano sovrani nel mondo in un clima condito da uno strisciante e quanto mai aggressivo anticristianesimo pronto a riaccendersi ad ogni legittima reazione della Chiesa in difesa dei suoi diritti e di quelli del popolo di Dio. Dove stiamo andando?

Nell’Ottocento fu profetizzata, anche da Marx, la progressiva sparizione della religione, considerata "una menzogna idealistica". Auguste Comte fonda la sociologia proprio sulla persuasione che tali "fantasie" sarebbero svanite. Cosicché un esercito di intellettuali negli anni Sessanta e Settanta ancora proclamavano, con Anthony Wallace, che "il futuro evolutivo della religione è l’estinzione". Secondo costoro il progresso scientifico, il consumismo e la modernità avrebbero dissolto Dio come nebbia al sole. Ma noi siamo ancora qui!

Successivamente la stessa sociologia negli anni '90 è stata costretta dall'evidenza dei fatti a ritrattato sostenendo: "la nostra sarà un’epoca religiosa ma di una religiosità nuova". Stavolta però le cose sembrerebbero andare proprio così.Il nostro tempo è caratterizzato dall'aumento esponenziale di sette e movimenti pseudoreligiosi! L'uomo cerca una spiritualità fai da te che metta se stesso al centro; proprio da questo incombente pericolo ci vogliamo difendere impugnando quelle uniche armi che il nostro Signore ci ha gratuitamente donato, la Sua Parola e il Suo Santo Spirito.

In un epoca segnata da conflitti e violenze di ogni genere, ma anche da un pericolosissimo e strisciante sincretismo religioso che ha fatto della religione il gran supermarket della fede, con voce decisa desideriamo testimoniare che la Verità non è tramontata e mai tramonterà! Dinnanzi all'evidenza del male del mondo, dinnanzi alla realtà della morte, anche le certezze della scienza e della tecnica vacillano, impotenti davanti ai grandi problemi esistenziali dell’uomo.

Questi problemi sono ineludibili perché l’uomo, a differenza dell’animale, si interroga sul senso delle cose, della vita, capisce che il suo comportamento non è mai neutro, c’è un bene da raggiungere e perciò una morale che è davvero universale se si fonda su un Assoluto (debole e pericolosa la morale laica che si basa sull’uomo).

Dio esiste, esiste una Verità Assoluta, esiste una Morale Assoluta e questa Verità vogliamo esaltare perchè Cristo Trionfi e possa regnare nel cuore di ogni uomo occupando il posto che gli spetta, il primo!

Purtroppo anche tra i cattolici, pefino tra i teologi, certe indicazioni deviate trovano posto; per questo, per far fronte a questo mare velenoso di menzogna, di bugie, di falsità e di peccato che la nostra società chiamia tante volte "cultura", abbiamo deciso di mettere in piedi un sito che dica la verità integrale, sotto la potente Luce di Cristo e del suo Vicario:

"Sorga Dio e i suoi nemici siano dispersi ..."

Sorga Cristo Verità su questo mondo alla deriva e trionfi a tutti i livelli contro la menzogna, la falsità, il peccato; insomma contro Satana e i suoi strumenti.

In Gesù e Maria

 



 

LE VOSTRE DOMANDE

Avete dubbi e perplessità, volete approfondire un argomento particolare?

Scriveteci QUI  saremo lieti di rispondervi in questa apposita sezione.

 

Giovanni 17

 

1"Padre, è giunta l'ora, glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te. 2 Poiché tu gli hai dato potere sopra ogni essere umano, perché egli dia la vita eterna a tutti coloro che gli hai dato. 3 Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo. 4 Io ti ho glorificato sopra la terra, compiendo l'opera che mi hai dato da fare. 5 E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse. 6 Ho fatto conoscere il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dati a me ed essi hanno osservato la tua parola. 7 Ora essi sanno che tutte le cose che mi hai dato vengono da te, 8 perché le parole che hai dato a me io le ho date a loro; essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscito da te e hanno creduto che tu mi hai mandato. 9 Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perché sono tuoi. 10 Tutte le cose mie sono tue e tutte le cose tue sono mie, e io sono glorificato in loro. 11 Io non sono più nel mondo; essi invece sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi. 12 Quand'ero con loro, io conservavo nel tuo nome coloro che mi hai dato e li ho custoditi; nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si adempisse la Scrittura. 13 Ma ora io vengo a te e dico queste cose mentre sono ancora nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. 14 Io ho dato a loro la tua parola e il mondo li ha odiati perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. 15 Non chiedo che tu li tolga dal mondo, ma che li custodisca dal maligno. 16 Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. 17 Consacrali nella verità. La tua parola è verità. 18 Come tu mi hai mandato nel mondo, anch'io li ho mandati nel mondo; 19 per loro io consacro me stesso, perché siano anch'essi consacrati nella verità.20 Non prego solo per questi, ma anche per quelli che per la loro parola crederanno in me; 21perché tutti siano una sola cosa. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato. 22 E la gloria che tu hai dato a me, io l'ho data a loro, perché siano come noi una cosa sola. 23 Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell'unità e il mondo sappia che tu mi hai mandato e li hai amati come hai amato me. 24 Padre, voglio che anche quelli che mi hai dato siano con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che mi hai dato; poiché tu mi hai amato prima della creazione del mondo. 25 Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto; questi sanno che tu mi hai mandato. 26 E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l'amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro".

 

 

Il copyright dei testi magisteriali appartiene alla Libreria Editrice Vaticana.